come funziona il servizio di backup dei servizi di hosting?

Tutti i server di Rubalo per i servizi di hosting sono protetti da backup, per mezzo del quali è possibile il restore dell’intero sistema in caso di guasto del server.
Tuttavia si tratta di  backup finalizzati alla protezione da fault di sistema, sono effettuati a livello di server, e sono quindi adatti al restore dell’intero server.
Il restore di singoli servizi o file su richiesta dell’utente non è di norma quindi possibile. (1)

I backup vengono effettuati in maniera distinta per:

  • server web hosting Windows e Linux
  • server email shared
  • server database (MySql e MS-SQL)

Per le operazioni di backup si utilizzano storage esterni, completamente distinti dai relativi sistemi; quindi, un grave guasto di un sistema non coinvolgerà i dati del relativo backup, conservati su un sistema separato e differente.

In caso di guasto grave, che comprometta definitivamente il funzionamento di un web server o di un db server, il sistema di backup ci permette di ripristinare il servizio su di un altro server nell’arco di poche ore.

I backup, per interferire il meno possibile con le normali attività, vengono svolti sempre in orari notturni.

L’operazione di backup viene svolta quotidianamente, e viene conservato uno “storico” di sette giorni.

NOTE:

  • se un utente ha la necessità di effettuare backup autonomi, ovvero da gestire in completa autonomia, segnaliamo le offerte di storage FTP utilizzabili proprio a questo scopo: http://serverlabs.eu/preventivo/preventivo.php?id=11
  • ricordiamo che è buona norma che l’utente mantenga una propria copia dei contenuti, il più possibile aggiornata, al di fuori dei nostri sistemi

 

1 – nel caso sia necessario richiedere il restore di dati di un servizio di hosting shared (contenuti web, oppure database, oppure archivi email di una certa casella) è necessario procedere come segue:

  • verificare di disporre del credito sufficiente e, nel caso sia necessario, effettuare una ricarica
  • aprire un ticket di assistenza, specificando con la maggior precisione possibile i dati che sarebbe necessario recuperare e la data a cui si desidera recuperarli

Il costo dell’operazione standard di restore per ogni tipologia di servizio (contenuti web, database, o email) è di € 27,00 + IVA.
Il costo può aumentare nel caso di grosse quantità di dati (> 10 GB) o di altre situazioni che rendano il servizio più complesso; in tali casi, prima di procedere il costo sarà comunicato preventivamente all’utente.

installazione di Idera Backup

Per l’installazione del client Idera Backup all’interno del proprio server è possibile effettuare il download tramite i seguenti link:

Windows 32 bit: http://repo.r1soft.com/trials/ServerBackup-Enterprise-Agent-win32.zip
Windows 64 bit: http://repo.r1soft.com/trials/ServerBackup-Enterprise-Agent-win64.zip

Linux 32 bit: http://repo.r1soft.com/trials/ServerBackup-Enterprise-Agent-linux32.zip
Linux 64 bit: http://repo.r1soft.com/trials/ServerBackup-Enterprise-Agent-linux64.zip

Documentazione per l’installazione del client:

Windows:
http://wiki.r1soft.com/display/ServerBackup/Installing+Backup+Agent+on+Windows+Manually
Linux CentOS, RedHat, Fedora:
http://wiki.r1soft.com/display/ServerBackup/Installing+Backup+Agent+on+CentOS%2C+RHE%2C+and+Fedora+manually

Linux Debian, Ubuntu:
http://wiki.r1soft.com/display/ServerBackup/Installing+Backup+Agent+on+Debian+and+Ubuntu+manually

uso di Idera Server Backup

Gli utenti di server dedicati e VPS hanno la possibilità di attivare sui propri sistemi sofisticate procedure di backup attraverso Idera Server Backup.

Idera Server Backup permette di configurare liberamente ed in autonomia le policy di backup, che verrà realizzato su storage esterni e completamente indiendente da quello del sistema principale.

Idera Server Backup è attivabile su:

  • server dedicati
  • VPS CronusCloud
  • sistemi esterni alla nostra rete (quindi, ospitati presso altre farm o presso l’utente), che effettueranno poi il backup sui nostri storage

Per l’utilizzo di Idera Server Backup, segnaliamo la documentazione on-line completa:
http://wiki.r1soft.com/display/ServerBackup/Documentation

Segnaliamo, in particolare, la parte relativa alle operazioni di restore:
http://wiki.r1soft.com/display/ServerBackup/Restoring+Files

[box type=”info”] NOTA: nei profili di assistenza “managed” e “global”, gli utenti potranno richiedere la consulenza e l’assistenza dei nostri tecnici per la definizione ed implementazione delle policy di backup[/box]

 

backup del database con WordPress

Per la salvaguardia del proprio sito sviluppato con WordPress, è fondamentale effettuare periodicamente un backup del proprio database MySql.

Gli altri contenuti web sono infatti per lo più statici, suscettibili di poche modifiche e, in caso di necessità, facilmente “ricostruibili” con poco sforzo.

Viceversa, la gran parte dei contenuti (testi delle pagine, post, commenti, struttura dei menu ecc.) è conservata nel database MySql.

Per effettuare regolarmente il backup del database MySql di WordPress, consigliamo l’installazione ed uso del plugin WordPress Database Backup.

NOTA: il plugin WordPress Database Backup è preinstallato nel nostro piano hosting dedicato WordPress (e quindi è sufficiente configurarlo dal pannello di amministrazione di WordPress); se avete un piano hosting Basic Linux Illimitato oppure Linux Pro dovete prima procedere all’installazione del plugin.

 

E’ possibile utilizzare questo plugin per due distinte operazioni:

  • per effettuare backup straordinari in maniera manuale (p.es.: subito dopo l’installazione, prima di procedere ad un aggiornamento o a modifiche importanti ed ogni volta in cui, per scupolo e prudenza, sia il caso di effettuare un backup)
  • in maniera automatica, per effettuare backup periodici

UTILIZZO:

  1. Nel pannello di amministrazione di WordPress, selezionare la voce di menu TOOLS ⇒ Backup
    verranno elencate tutte le tabelle estranee a WordPress eventualmente presenti nel database: è possibile selezionarle per effettuare il backup anche di queste.
    NOTA: questo potrebbe incrementare sensibilmente le dimensioni del backup!
  2. selezionare dove deve essere effettuato il backup:
    a – “save to server” (DA NON USARE!)
    Questo crea una copia di backup locale sul server; è un’operazione del tutto inutile, oltre che contraria alle nostre AUP.
    b – “Download to your computer”
    In questo modo verrà creata una copia sul vostro computer, che verrà scaricata attraverso il browser.
    Utile per backup straordinari; richiede che lasciate attivo il browser per tutto il tempo necessario a realizzare il file di backup e per effettaurne poi il download.
    c – “email backup to …”
    Con questa opzione, il file di backup viene inviato per email all’indirizzo specificato.
    E’ la funzione più comoda per i backup periodici.
    Consigliamo di verificare che la dimensione del file di backup non sia tale da impedirne l’invio per email (verificare con il proprio provider le limitazioni della propria casella).
    Prudenza vuole che il backup venga effettuato su una casella email del tutto estranea (come dominio e servizio) a quella utilizzata per il servizio; la soluzione consigliabile è attivare specificatamente una casella (anche gratuita) su provider quali gmail.com o yahoo.com, da utilizzare solo per questo scopo.

per effettuare un backup straordinario: a questo punto, cliccare su “Backup now!”
oppure impostare la frequenza per un backup periodico ( si consiglia “once daily” oppure “once weekly”, ovvero, rispettivamente, una volta al giorno o una volta alla settimana, in funzione della frequenza con cui viene modificato il sito), verificare l’indirizzo email di destinazione e cliccare su “schedule backup”. A questo punto, il sistema invierà automaticamente e con la frequenza impostata un set di backup del database alla casella email indicata.

NOTE:

si sconsiglia di effettuare backup automatici con frequenza superiore ad una volta al giorno; teoricamente è possibile impostarli anche per “due volte al giorno” o “ogni ora”, ma ciò potrebbe interferire con il normale funzionamento del sito, oppure i messaggi potrebbero venir respinti dal server email destinatario.
dopo aver impostato i backup automatici, per i primi giorni verificare il corretto funzionamento; testare altresì che i file inviati siano integri e completi
effettuare periodicamente un controllo per verificare che tutto funzioni regolarmente (non c’è nulla di peggio che, nel momento del bisogno, aprire la casella email su cui venivano inviati i backup, e scoprire che da tre mesi gli stessi venivano classificati come “spam” e quindi cancellati… e che quindi l’ultimo backup valido risale a tre mesi prima!)
si consiglia di impostare i backup automatici in modo che vengano effettuati in ore di poco traffico (p.es. alle ore 03:00 della notte), in modo da non interferire con la normale operatività del sito